calendario-scadenze-fiscali-settembre-2015-date_407559

Calendario Settembre 2016

Di seguito è riportato il calendario del corso Competenze di base e trasversali I annualità per il mese di Settembre 2016.

CALENDARIO CORSO COMPETENZE DI BASE E TRASVERSALI I ANNUALITA’
Date Attività Orario  H 
mercoledì, 7 settembre 2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00

18.00

   8
giovedì, 8 settembre 2016

Disciplina del rapporto di lavoro: disciplina legislativa del contratto di apprendistato, diritti e i doveri dei lavoratori, elementi che compongono la retribuzione e il costo del lavoro.

09.00

18.00

 8
martedì, 20 settembre 2016

Sicurezza sul lavoro: aspetti normativi e organizzativi generali relativi alla sicurezza
sul lavoro, principali fattori di rischio, misure di prevenzione e protezione.

09.00

18.00

 8
mercoledì, 21 settembre 2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali
in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00

18.00

8
martedì, 27 settembre 2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali
in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00

18.00

8
TOTALE  40 ore

 

 

sl

sicurezza2

sicurezza2CONTESTO DEL PROGETTO

Il Piano Formativo CLIPS – Collaborare e Lavorare in Prevenzione e Sicurezza è stato concepito per rispondere alle esigenze di intervenire sugli aspetti critici nella gestione processi interni alle PMI beneficiarie (tra i quali la valutazione dei rischi, l’organizzazione e il coinvolgimento continuativo dei lavoratori in pratiche di prevenzione, sicurezza e benessere sui luoghi di lavoro e l’analisi dei fattori che favoriscono o determinano l’insorgenza di infortuni e malattie professionali) e su alcuni ambiti e settori produttivi (impiantistica e servizi) che operano in settori che si contraddistinguono ancora per un elevato rischio di infortuni.

Attraverso le azioni formative, consulenziali e di accompagnamento, il piano ha perseguito i seguenti obiettivi generali:

  • contribuire all’affermazione di una cultura della formazione continua, con specifico riferimento alle tematiche della Sicurezza ed Igiene dei luoghi di lavoro, della prevenzione degli infortuni e delle malattie Professionali, della tutela della salute e del benessere dei lavoratori delle imprese beneficiarie;
  • valorizzare il rapporto tra lavoratori ed imprese, anche attraverso il dialogo e la concertazione con le Parti Sociali, finalizzato al comune interesse di una ulteriore sensibile riduzione degli infortuni e delle malattie professionali e, più in generale, verso il miglioramento delle condizioni di Sicurezza dei luoghi di lavoro e di benessere psico-fisico delle lavoratrici e dei lavoratori;
  • sperimentare un modello di intervento di formazione continua.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il piano Clips è stato realizzato dall’Associazione Temporanea di Impresa costituita tra IRS Europa e l’Organismo Paritetico Territoriale del settore della costruzione di impianti tecnologici di Roma e Provincia (OPT). L’intervento formativo erogato ha previsto 20 azioni per un totale di 68 edizioni, ha coinvolto 292  dipendenti sui 309 previsti e interessato 19 aziende del territorio delle province di Roma, Frosinone e Latina

Il Piano CLIPS ha conseguito 837 ore di formazione sulle 844 preventivate operando sulle 3 aree tematiche previste dall’Avviso 1-2014 per l’ambito A – Salute e Sicurezza, ossia;

  1. Salute e Sicurezza – interventi formativi finalizzati all’incremento della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro, in una logica di sistema, e al miglioramento dei livelli di prevenzione e protezione contro gli infortuni e le malattie professionali.
  2. Gestione ambientale e sicurezza – azioni formative inerenti ad aspetti di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, direttamente connessi al Sistema di Gestione Ambientale
  3. Sistemi di gestione integrati – sviluppo delle competenze in materia di sicurezza e di tutela della salute nell’ambito di interventi per l’introduzione di sistemi di gestione della sicurezza o di sistemi di gestione integrata qualità, ambiente, sicurezza.

Le attività preparatorie e di accompagnamento sono state svolte successivamente alla pubblicazione dell’avviso da parte di Fondimpresa.

Sono state realizzate seguendo 4 step:

CLIPS

Attraverso l’analisi della domanda si sono raggiunti due risultati principali:

  1. definizione del contesto territoriale e settoriale di riferimento;
  2. identificazione della domanda formativa e coinvolgimento dei referenti delle aziende aderenti nella strutturazione degli obiettivi e delle metodologie.

A seguito dell’analisi dei bisogni specifici, sono state identificate 3 aree di intervento e per ogni area sono state progettate le azioni formative ritenute coerenti con i fabbisogni formativi emersi dall’indagine:

 

Area Salute e Sicurezza:

  • Studio e ricerca degli strumenti efficaci per identificare i rischi e prevenire gli infortuni nel lavoro;
  • La valutazione del rischio alto: adottare metodi e tecniche di prevenzione e protezione individuale;
  • Metodi e tecniche di analisi e prevenzione degli infortuni sul lavoro;
  • L’organizzazione e la gestione di un cantiere, nel rispetto delle norme in tema di igiene e sicurezza;
  • Il lavoro sicuro e creare la cultura della sicurezza negli ambienti ad alto rischio;
  • La gestione tecnico-comportamentale dei lavoratori, dei Dirigenti e dei Preposti;
  • Addestramento per gli operatori addetti alla conduzione dei carrelli elevatori semoventi;
  • La prevenzione, la lotta antincendio, la gestione della emergenza agendo sui comportamenti dei lavoratori;
  • Educare alla sicurezza, per il benessere personale e aziendale;
  • Addestramento per operatori addetti alla conduzione di PLE – piattaforme di lavoro mobili elevabili;
  • Educare i comportamenti alla corretta esecuzione dei lavori in sicurezza;
  • La gestione dei lavori elettrici in tensione, nel rispetto delle nuove norme tecniche e di prevenzione e protezione individuale;
  • Movimentazione manuale dei carichi (MAPO);
  • Basic life Support & Defibrillation (BLSD);

Area Gestione Ambientale e Sicurezza:

  • Il rispetto dell’ambiente nell’ottica del lavoro sicuro. Principi essenziali per organizzare un modello efficace per le imprese
  • Le procedure di monitoraggio e di valutazione operativa, per la prevenzione delle attività lavorative ad alto rischio e nell’ottica della tutela ambientale
  • La conduzione degli impianti termici secondo le nuove norme di tutela ambientale, nel rispetto della salute e sicurezza sul lavoro.

Sistemi di Gestione Integrati:

  • La gestione della sicurezza in una logica sistemica: principi cardine per l’implementazione di un sistema di gestione integrato qualità, ambiente e sicurezza sul lavoro.

Nella definizione delle metodologie didattiche si è partiti dall’assunto che la formazione continua, se vuol produrre un impatto sulle attività aziendali, deve facilitare il confronto delle pratiche professionali, attraverso il racconto dei propri vissuti, delle proprie idee e del proprio agire quotidiano, con i “pari” e con gli esperti capaci di ri-orientare processi e comportamenti. In questo schema logico la metodologia d’aula “tradizionale” (espositiva) ha potuto contribuire a produrre nel partecipante l’acquisizione e la strutturazione delle conoscenze di base, degli elementi fondamentali delle diverse discipline, metodiche o tecniche oggetto del percorso formativo, oltre che a favorire la individuazione e condivisione di un codice di linguaggio appropriato al tema/contenuto della formazione. Di contro l’Action Learning è stato un metodo formativo basato sulle esperienze che si realizzano in un processo di mutuo apprendimento tra i partecipanti. Tale metodologia, a differenza della precedente, ha consentito un maggior livello di interazione tra l’apprendimento eterodiretto, quello determinato dai concetti e dai contenuti sviluppati dal Trainer, e l’apprendimento esperienziale maturato dai partecipanti in contesti non formali e/o produttivi, permettendo così di stimolare la riflessione sulle pratiche e sui comportamenti che i lavoratori mettono o possono mettere in pratica nel loro quotidiano

Così come previsto dal Piano e dalle Linee guida alla gestione e rendicontazione del Piano di Fondimpresa all’avvio e al termine di ogni azione formativa è stato somministrato un test di rilevazione delle conoscenze e delle competenze possedute dal singolo partecipante, al fine di verificare il livello di apprendimento maturato. Ciò ha consentito di “misurare” l’efficacia e l’impatto della formazione in termini qualitativi sui destinatari del Piano. I risultati, così come i dati sensibili dei partecipanti alla formazione, sono disponibili in azienda.

20151222_112247846_iOS

Nicola Zingaretti presenta i nuovi bandi formazione della Regione Lazio

Nicola Zingaretti presenta i nuovi bandi formazione della Regione Lazio

Il 22 dicembre il Presidente Nicola Zingaretti e il Vicepresidente Massimiliano Smeriglio hanno presentato i nuovi bandi formazione della Regione Lazio per le scuole, i cittadini e le imprese.

Il Programma Operativo della Regione Lazio “Investimenti per la crescita e l’occupazione”, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) rappresenta il documento di programmazione pluriennale, articolato in funzione delle priorità strategiche e degli obiettivi che la Regione intende perseguire nel periodo 2014-2020.

In tale periodo la Regione Lazio ha promosso, per il momento, 6 bandi, articolati su due target distinti:

  • scuola
  • cittadini & imprese

Per la scuola gli avvisi Fuori classe e Professional orienting study visit sono di prossima pubblicazione nel mese di gennaio.

Per i cittadini e le imprese sono destinati 4 avvisi:

  • mestieri
  • interventi di sostegno alla qualificazione e all’occupabilità delle risorse umane
  • interventi rivolti alla qualificazione delle risorse umane a favore della creazione di nuova occupazione delle imprese del Lazio
  • interventi di riqualificazione in Operatori Socio-Sanitari

La strategia di utilizzo delle risorse del PO FSE, punta su 4 degli obiettivi tematici previsti dall’art. 3 del Regolamento UE n. 1303/2013 ed in particolare:

  • Obiettivo tematico 8 – finalizzato allo sviluppo dell’occupazione;
  • Obiettivo tematico 9 – finalizzato al sostegno allo sviluppo sociale;
  • Obiettivo tematico 10 – finalizzato alla crescita del capitale umano;
  • Obiettivo tematico 11 – finalizzato al rafforzamento della capacità istituzionale e amministrativa.

Come previsto dall’art. 3 del Regolamento UE n. 1304/2013, gli obiettivi si realizzano nell’ambito di Assi di intervento e prevedono specifiche priorità nell’allocazione delle risorse (tranne l’Asse 5 non prioritario) ed in particolare:

  • Asse 1: Occupazione;
  • Asse 2: Inclusione sociale;
  • Asse 3: Istruzione e formazione;
  • Asse 4: Capacità istituzionale e amministrativa;
  • Asse 5: Assistenza tecnica

La dotazione finanziaria complessiva del POR FSE Lazio 2014-2020 è di 902.534.714 €, con un incremento del 22% rispetto alle risorse della precedente programmazione. Il contributo Comunitario è pari al 50% del totale (€ 451.736.077.550), il restante 50% è coperto da risorse nazionali e regionali.

Sul sito della Regione Lazio la documentazione degli avvisi destinati ai cittadini e alle imprese è già online.

cou

Progetto GIM – Gestione Integrata Multiazienda

CONTESTO

Mirc 2050 e Gruppo Mirc sono le aziende destinatarie del progetto GIM – Gestione Integrata Multiazienda e operano all’interno dell’impiantistica; a partire dal 1999 hanno diversificato l’attività fornendo contratti “Servizio Energia” con l’adozione di pannelli solari, fotovoltaici e impianti eolici, all’interno del più ampio settore edile, che è stato investito in modo significativo dalla crisi economica. Il periodo di crisi è stato affrontato, dalle beneficiarie dell’intervento, puntando nella direzione della gestione integrata del condominio, del global service e del facility management, sviluppando nel contempo il settore del fotovoltaico e delle energie rinnovabili così accanto ai servizi energetici tradizionali (riscaldamento e climatizzazione, servizio energia, contabilizzazione e termoregolazione individuale del calore, realizzazione, manutenzione e gestione di centrali ed impianti termici e tecnologici, fornitura energia elettrica, fornitura gas metano) si sono sviluppati altri servizi energetici complessi (es. realizzazione di impianti di cogenerazione, di trigenerazione, ad energia rinnovabile, etc.).

Le consistenti modifiche introdotte sia nella tipologia di servizi offerti che nei processi di lavoro hanno impattato soprattutto sulle funzioni di progettazione, commercializzazione e amministrazione/gestione del personale che sono state coinvolte in nuove configurazioni organizzative enfatizzando gli aspetti tecnici e commerciali sottovalutando gli impatti sulle persone e sul clima aziendale. In qualche modo è stata trascurata l’acquisizione di quelle soft skill, necessarie a supportare la complessità che le aziende si trovano ad affrontare.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il percorso formativo individuato ha teso a soddisfare le esigenze espresse dalle due aziende, focalizzando l’attenzione sull’integrazione interfunzionale, il coordinamento ed il lavoro di squadra come requisiti fondamentali per consolidare il senso d’appartenenza e migliorare la capacità di raggiungere risultati sia individuali che organizzativi. Il progetto formativo si è sviluppato con l’obiettivo di intervenire sulla duplice dimensione organizzativa/operativa e relazionale ed emozionale. Si è operato sia sulla sfera dell’elaborazione dei contenuti del lavoro, che sul sistema delle relazioni interpersonali che sono alla base della coesione, della collaborazione e del il clima del gruppo.

L’obiettivo del corso è stato focalizzato sullo sviluppo delle competenze necessarie per favorire l’adozione di comportamenti più rispondenti alle esigenze di integrazione sia verticale che orizzontale nell’ambito dell’impresa. Di seguito si riepilogano i comportamenti e le competenze oggetto della formazione:

Comunicazione interpersonale e organizzativa, intesa come:

  • Saper scambiare con gli altri informazioni, emozioni, feed-back in modo chiaro, incisivo e finalizzato a trasmettere una positiva visione di se e dell’azienda e a costruire relazioni trasparenti, durature, di crescita e soddisfazione reciproca.

Collaborazione e integrazione, intesa come:

  • Saper promuovere azioni tese all’integrazione con le altre funzioni e alla collaborazione per un risultato comune.
  • Sapersi integrare nel gioco di squadra pensando e lavorando per l’obiettivo del team.
  • Considerare la propria attività come un anello di una catena cliente-fornitore, aggiungendo valore all’intero processo.
  • Favorire circolazione e chiarezza delle informazioni, stimolando la coesione emotiva e lo spirito di squadra.

Gestione del conflitto e negoziazione, intesa come:

  • Saper condurre attivamente negoziazioni ed accettare situazioni di contrapposizione, gestendo, riducendo e risolvendo le aree di divergenza con sicurezza e flessibilità, massimizzando le aree di reciproco vantaggio ed interesse.
  • Saper trovare i punti di convergenza e di confronto produttivo con gli interlocutori.

Il modello di formazione alla base del progetto è centrato sulla formazione intervento – action learning – ovvero una formazione fortemente personalizzata che costruisce in progress soluzioni alle esigenze organizzative e gestionali alle quali intende rispondere.

Per visualizzare graficamente il percorso didattico segue una tabella esplicativa:

Modulo

Titolo

Ore

 

1

Efficacia nella comunicazione organizzativa, pari opportunità e differenza di genere 18
1° Sessione di feedback e action team 6
 

2

Team working e gestione delle relazioni complesse 18
2° Sessione di feedback e action team 6
 

3

Gestione dei conflitti e negoziazione collaborativa 18
3° Sessione di feedback e action team 6
 

4

Integrazione interfunzionale 20
4° Sessione di feedback e action team 8
 

5

Sicurezza D.Lgs 81/08 16
La normativa sicurezza – FAD 4
  TOTALE ORE 120

 

Ogni percorso formativo progettato da IRS Europa si dota di strumenti di verifica dell’apprendimento e di valutazione del gradimento. Per la rilevazione degli apprendimenti sono stati utilizzati due diversi questionari a risposta multipla, uno specifico relativo al modulo sicurezza e uno sui contenuti relativi ai moduli dall’uno al quattro. Tutti gli allievi hanno raggiunto e superato i livelli minimi di conoscenza. I risultati, così come i dati sensibili dei partecipanti alla formazione, sono disponibili in azienda.

 

is

PROGETTO P.E. – Professional English

CONTESTO

L’inglese, negli ultimi decenni, è diventata una competenza sempre più fondamentale per i lavoratori di tutto il mondo, che devono confrontarsi con mercati finanziari sempre più vasti in cui la lingua comunitaria è centrale nella comunicazione commerciale: saper inviare e-mail commerciali, saper dialogare e sostenere una conversazione lavorativa, saper esporre e argomentare, naturalmente in lingua inglese, sono tutte competenze linguistiche richieste per poter accedere a salari migliori e a rendimenti produttivi qualificati. Nell’ambito dell’Avviso Pubblico “Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua” Asse “I” – Adattabilità POR FSE 2007-2013, la società IRS Europa s.c. ha realizzato il progetto “PE – Professional English”, un progetto immaginato e destinato all’aggiornamento linguistico professionale dei liberi professionisti, al fine di migliorare le competenze nella lingua inglese applicata in ambito lavorativo. Poiché il mercato del lavoro odierno è dominato dall’espandersi dell’area del lavoro autonomo, un ruolo importante nella crescita del prestigio sociale del lavoratore autonomo è rivestito dalla continua specializzazione e ottimizzazione delle proprie qualità professionali.

La proposta progettuale è stata ideata per rispondere alle esigenze formative di un gruppo di liberi professionisti, attivi in differenti settori produttivi (editoria, formazione, ricerca economica e sociale, informatica), con una conoscenza della lingua inglese pregressa classificabile tra il livello A2 e B1. L’obiettivo principale è stato quello di condurre i discenti a possedere un pieno livello B1; inoltre il progetto ha soddisfatto le esigenze di certificazione dei discenti accompagnandoli alla preparazione e al sostenimento dell’esame finale presso un Centro Esame Autorizzato Cambridge in grado di rilasciare la certificazione internazionale più diffusamente accreditata. L’esame per il quali i partecipanti sono stati preparati corrisponde al livello CEF (Quadro comune europeo di riferimento) B1 ed è l’esame Cambridge English: Business Preliminary.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il percorso formativo è stato composto da 80 ore per le quali sono state utilizzate due modalità didattiche:

  • 63 ore: modalità lezione frontale e discussione in plenaria
  • 17 ore: modulo e-learning tramite piattaforma FAD

L’alternanza delle due modalità didattiche, tradizionale e a distanza, ha permesso ai discenti di tornare sui concetti appresi in aula e di inserire l’apprendimento della lingua in un contesto quotidiano, esercitando la lingua inglese anche durante il lavoro o a casa, nella vita quotidiana. Questa delocalizzazione ha certamente contribuito ad esporre maggiormente i discenti all’uso della lingua, normalizzando il suo ricorso e delineando una buona pratica di consolidamento della conoscenza che ci auguriamo possa proseguire al termine del percorso formativo.

Il progetto PE – Professional English è stato svolto presso i locali dell’impresa IRS Europa s.c. dal 2 settembre al 25 novembre 2015. Il percorso didattico è stato organizzato in 80 ore articolate in unico modulo che dedicava varie unità didattiche alle 4 abilità linguistiche valutate dai centri Cambridge:

  • Reading – Lettura: ai partecipanti sono state proposte letture che hanno potuto incontrare in ambito lavorativo e nella vita quotidiana, utilizzando testi di diversa provenienza e caratteristiche: articoli reperibili su Internet, giornali, riviste; testi editoriali o esemplificativi di opinioni astratte; testi di natura generale e più specifici per il mondo dell’editoria; brani letterari; scritti informativi e di generale utilità riguardanti hotel, voli, acquisti online, ecc. Di tali testi, i partecipanti, hanno imparato a cogliere sia i concetti fondamentali e il senso generale, sia i dettagli più sottili.
  • Listening – Ascolto: i partecipanti sono stati guidati nella comprensione di conversazioni su argomenti legati al lavoro, generali e di attualità; di istruzioni, indicazioni, annunci pubblici; di comunicazioni telefoniche in ambito lavorativo; di notizie trasmesse da tele o radiogiornali. Sono state proposte conversazioni con singole persone o in gruppi e di queste e i partecipanti hanno dovuto saper cogliere tanto il senso generale quanto i significati più specifici, incluse le opinioni degli interlocutori.
  • Speaking – Conversazione e interazione: i partecipanti sono stati condotti a prendere autonomamente e attivamente parte ad una conversazione in lingua inglese, parlando di sé, di argomenti generali, del lavoro; sono stati messi in grado di esprimere la propria opinione e offrire suggerimenti e critiche in ambito lavorativo e generale; sono stati guidati a condurre semplici trattative, a presentare e discutere i propri ruoli e mansioni e, più in generale, riguardo al loro lavoro; sono stati condotti ad affrontare discussioni circa vantaggi e svantaggi in determinate situazioni.
  • Writing – Scrittura: i partecipanti sono stati guidati nella scrittura di lettere, e-mail e brevi presentazioni riguardanti l’ambito professionale, applicando il corretto livello di formalità nell’uso del lessico e della sintassi della lingua inglese; sono stati guidati a comporre brevi resoconti di testi, brevi racconti su esperienze o eventi, report, utilizzando un lessico e una sintassi della lingua inglese più complessa, conforme con il livello B1+; hanno acquisito la capacità di comporre una breve tesi esprimendo la propria opinione su un determinato argomento; hanno appreso ad applicare una struttura specifica a un testo scritto, utilizzando correttamente la punteggiatura.

Al termine del percorso i partecipanti hanno dimostrato di aver acquisito un elevato grado di autonomia, attraverso il perfezionamento delle conoscenze grammaticali e l’arricchimento del vocabolario, nell’uso e nella comprensione della lingua inglese. Ogni percorso formativo progettato da IRS Europa si dota di strumenti di verifica dell’apprendimento e di valutazione del gradimento. I risultati, così come i dati sensibili dei partecipanti alla formazione, sono disponibili in azienda.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nuvola Identià digitali

Identità digitali

CONTESTO DEL PROGETTO

Quella impressa da internet e dalle culture digitali è una rivoluzione che sta profondamente cambiando il mondo della produzione. Nuove abilità e conoscenze rinnovate popolano il mercato produttivo, un mercato fatto di prodotti, servizi, idee, che ogni anno diventa più competitivo, allargando i suoi orizzonti e avvicinando tra loro realtà economiche, politiche e sociali precedentemente distanti. In questo scenario espanso, al centro della competizione mondiale resta l’individuo, ovvero la competenza del capitale umano, senza la quale nessuna produzione meccanica o tecnologica o digitale conoscerebbe progressi. Tale osservazione motiva la centralità dell’aggiornamento e della continua riqualifica delle competenze professionali, tematica chiave della passata e dell’attuale programmazione europea, che non a caso accosta spesso la qualifica delle competenze all’approfondimento e alla diffusione in ambito lavorativo e produttivo delle abilità digitali.

Nell’ambito dell’Avviso Pubblico “Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua” Asse “I” – Adattabilità POR FSE 2007-2013, la società IRS Europa s.c. ha realizzato il progetto “I.D. – Identità digitali”, un progetto immaginato e destinato all’aggiornamento professionale dei liberi professionisti, al fine di acquisire una piena padronanza degli strumenti tecnologici e dei nuovi mezzi di comunicazione digitali, per poter adattare il proprio metodo di lavoro all’attuale scenario dominato dai mezzi digitali. La tecnologia declinata in modo intelligente nel mondo del lavoro permette di dare continuità alla professione, oltre a semplificare le pratiche lavorative di chi gestisce da solo il proprio capitale umano, investendo risorse e passione in un’attività che lo espone in prima persona.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto I.D. – Identità digitali è stato dunque sviluppato lungo tre linee principali destinate a:

  • traghettare i destinatari nel web 2.0, non per usarne semplicemente i singoli strumenti ma per renderli utenti consapevoli della grammatica della rete;
  • aumentare le competenze nell’elaborazione dei testi, delle presentazioni e nell’uso dei fogli di calcolo, perfezionando le produzioni, semplificando dei passaggi e curando lo stile grafico e l’eleganza degli elaborati;
  • favorire la gestione delle identità dei lavoratori nel mondo online, consapevoli che le competenze del mondo offline possono conoscere una grande diffusione nel mondo virtuale se opportunamente comunicate e visualizzate.

Il progetto I.D. – Identità digitali è stato svolto presso i locali dell’impresa IRS Europa s.c. dal 29 luglio al 30 ottobre 2015.

Il percorso didattico è stato organizzato in 80 ore articolate in 8 moduli corrispondenti a 7 aree di specializzazione e a un modulo di approfondimento sui temi della salute e della sicurezza sul posto di lavoro, secondo quanto dispone il Testo Unico per la Sicurezza – D.Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81. Le ore sono state così suddivise:

  • 68 ore: moduli professionalizzanti, di cui 60 ore in modalità frontale
  • 12 ore: modulo sicurezza sul lavoro, di cui 8 ore in modalità frontale

Per visualizzare graficamente il percorso didattico segue una tabella esplicativa:

Modulo Titolo Ore
1 Come cambia il mondo in cui viviamo con il digitale 8
2 L’uso della posta elettronica professionale 8
3 Scrivere sul web: post, status, microblogging 10
4 Elaborazione dei testi 8
5 Ottimizzare l’efficacia comunicativa degli strumenti di lavoro: l’uso di Excel e PowerPoint 6
6 Abitare nel sistema dei social media (dai blog ai social network) 14
7 Progettare la propria identità digitale: dal piano di comunicazione alla cura della reputazione 14
8 Sicurezza 12
Totale 80

Il percorso didattico è stato sviluppato favorendo una buona integrazione tra due principali modalità formative:

  • formazione frontale in aula à totale ore: 68
  • formazione in e-learning à totale ore: 12

Per entrambe le modalità è stata prevista l’assistenza dello staff d’aula competente. Il corso mira a sviluppare delle competenze informatiche immediatamente visibili: le ore impiegate in e-learning sono state dunque essenziali per verificare come lo sviluppo delle competenze informatiche stesse procedendo. Il frequente ricorso alle esercitazioni ha inoltre restituito un valido feedback allo staff d’aula, che è intervenuto ogniqualvolta si sia presentata la necessità, tanto per agevolare l’apprendimento quanto per facilitare l’organizzazione delle giornate formative.

Al termine del percorso i discenti hanno dimostrato di aver appreso i contenuti oggetto della formazione, ma anche di aver migliorato le loro stesse competenze organizzative: il rispetto dell’orario di lezione, il ricorso ad esercitazioni da fare fuori dall’aula sono elementi tipici dell’istruzione destinata agli studenti; applicata, in una certa misura, anche agli adulti può favorire l’adozione di pratiche organizzative differenti, e certamente anche questo aspetto rientra tra gli esiti auspicabili della formazione.

Ogni percorso formativo progettato da IRS Europa si dota di strumenti di verifica dell’apprendimento e di valutazione del gradimento. I risultati, così come i dati sensibili dei partecipanti alla formazione, sono disponibili in azienda.

calendario-scadenze-fiscali-settembre-2015-date_407559

Calendario Ottobre 2016

Di seguito è riportato il calendario del corso Competenze di base e trasversali I annualità per il mese di Ottobre 2016.

CALENDARIO CORSO COMPETENZE DI BASE E TRASVERSALI I ANNUALITA’
Date Attività Orario  H 
martedì,  4   ottobre 2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00

18.00

   8
  giovedì,   6    ottobre 2016

Disciplina del rapporto di lavoro: disciplina legislativa del contratto di apprendistato, diritti e i doveri dei lavoratori, elementi che compongono la retribuzione e il costo del lavoro.

09.00

18.00

 8
martedì, 11   ottobre 2016

Sicurezza sul lavoro: aspetti normativi e organizzativi generali relativi alla sicurezza
sul lavoro, principali fattori di rischio, misure di prevenzione e protezione.

09.00

13.00

 4
giovedì, 13 ottobre 2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali
in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00

13.00

4
martedì, 18 ottobre 2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali
in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00

18.00

8
 martedì,   25    ottobre     2016

Comunicazione e competenze relazionali: valutare le competenze e risorse personali
in relazione al lavoro ed al ruolo professionale, comunicare efficacemente nel contesto di lavoro, analizzare e risolvere situazioni problematiche, definire la propria collocazione nell’ambito di una struttura organizzativa.

09.00-

18.00

8
TOTALE  40 ore
euros

Corso di formazione e informazione Fondi diretti, Quadro logico e budget

IMG_6242Si è tenuto a Roma, lo scorso 30 giugno e 1 luglio, un seminario di informazione e formazione dedicato agli aspetti del ciclo finanziario 2014-2020 dei fondi a gestione diretta.

Organizzato dal Dipartimento Politiche Europee, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione (EIPA) e in collaborazione con Enterprise Europe Network (EEN) e Europe Direct, il seminario è stato destinato ad enti locali, enti pubblici, cittadinanza, imprese, università e organizzazioni non governative, al fine di sviluppare una maggiore conoscenza sulle politiche europee dell’attuale ciclo finanziario (2014-2020).

Per saperne di più visitate la pagina Finanziamenti diretti

SAPP

Apprendistato

Formazione per gli apprendisti

IRS Europa eroga formazione a tutti gli apprendisti:

Visita il sito:  http://sapp.formalazio.it/

400_competenze

Le competenze chiave del cittadino

Competenze chiave del cittadino

Il tema delle competenze chiave, come competenze del cittadino, si è progressivamente imposto sul piano internazionale all’attenzione di studiosi, di professionisti dell’istruzione e della formazione, delle organizzazioni produttive e dei decisori politici.

Il nostro studio intende fornire, attraverso raccomandazioni e messaggi chiave, un supporto tecnico, metodologico e tecnico a chi si appresta nell’immediato futuro a mettere in pratica tale mutamento paradigmatico.

Per saperne di più e per scaricare il pdf del nostro lavoro, vai alla pagina relativa alla ricerca